Credo nella libertà e nel rispetto dei pensieri altrui e mi piace poter raccontare la mia storia.

C'è una società, vittima della paura di ciò che non riconosce, una società imprigionata nell'individualismo travestito da campione sul podio.

STANTENT

Artista Indifferenziato:

 La follia che abita i Bambini, gli Artisti, gli Dei sta nello stravolgere la conformità delle "cose" creando una confusione tra i codici conferendo alle "cose" altro significato. 

Racconto la società in cui vivo interrogandone i rifiuti, trasformando scarti in opere narranti dal forte impatto emotivo. Ciò che era ora è altro.

 

Il rapporto uomo natura è al centro del mio percorso che racconto attraverso un messaggio silenzioso, povero di pregiudizio e ricco di esempio attraverso uno stile di vita assolutamente stoico. 

Ho scoperto la forza del linguaggio creando Arte, sentendo l’esigenza di utilizzare un materiale resistente che sapesse vestirne il tempo. E' il ferro con le sue origini minerali spesso protagoniste nel mio lavoro. Sono uno scultore affinché le mie opere possano appartenere al futuro, un futuro lontano ed incerto, ma capace di evolversi per nostra scelta. Il mio lavoro appartiene a quella scelta che unifica gli uomini sotto lo stesso valore, sotto lo stesso volere, di rispetto alla vita, di tutta la vita.